Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Kiro

La realtà aumentata aiuterà nei sorpassi sicuri in automobile

Non so come avvengono i fatti nelle nostre città, ma nella mia si guida in modo molto pericoloso. Per risparmiare un minuto nell'arrivare a destinazione, spesso si mette a repentaglio la propria vita e quella degli altri con sorpassi spericolati in barba al codice della strada.

Come ha dimostrato una recente ricerca il 93% degli incidenti d'auto avvengono per colpa dell'uomo. E io sogno quel giorno in cui le auto si guideranno da sole, come annunciano alcune cause automobilistiche, in modo da evitare gli incidenti. Verso questa direzione c'è un sistema avanzato che fa uso della realtà aumentata.

Si chiama STS (See Through System) e ha del magico. Permette, in pratica, di generare un enorme buco sui mezzi di trasporto grandi, come camion e pullman, per vedere se dall'altra corsia arrivano auto e poter gestire, in tal modo, i sorpassi in tranquillità. Ma come funziona?

Sviluppato all'Università di Porto (in Portogallo) , il sistema STS usa una webcam wireless che va posta sul mezzo di trasporto che ci precede e che manda i dati a uno schermo posto nella nostra autovettura. Il sistema si sincronizza se si è a una distanza, gli uni dagli altri, di 10 metri e si viaggia alla stessa velocità.

La differenza tra ciò che vede la webcam e ciò che è mostrato nello schermo è di 200 millisecondi. Nonostante questo il sistema non ha evitato le critiche: cosa accadrebbe se la sincronizzazione non fosse perfetta e ci fosse un ritardo maggiore? Si potrebbe credere di avere una strada libera avendo informazioni false.

Inoltre il sistema richiede che tutti i mezzi in circolazione abbiano l'uso di queste webcam e schermi wireless, cosa che ovviamente non avverrà mai. Il sistema STS, quindi, resta una sperimentazione interessante, con la speranza che in futuro le case automobilistiche integrino cose del genere nelle auto.

Nell'attesa basta rispettare il codice della strada e usare il buonsenso.

Commenta il post