Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Kiro

Gecko, il sensore che aggiunge delle funzioni allo smartphone

Lo smartphone offre una serie di funzioni e ne vengono aggiunte di nuove di anno in anno. Con il telefono possiamo scattare foto, consultare la rete e usare degli accessori esterni che fanno parte della galassia dell'internet delle cose, vale a dire di quegli accessori che conversano tra di loro mediante un collegamento senza fili.

Fa parte di questa galassia anche Gecko: un sensore grande quanto una moneta. Una volta collegato allo smartphone mediante un'applicazione, si può usare il bluetooth 4.0 per far conversare Gecko e attivare una serie di funzioni.

Una volta attivo si potrà usare l'accessorio per:

  • Scattare foto con una reflex. Basta collegarlo alla fotocamera con un apposito cavo (da acquistare a parte) per usare il telefono come telecomando.
  • Controllare la riproduzione musicale con le gesture. Muovendo Gecko in varie direzioni sarà possibile passare da un brano all'altro, mandare la musica in pausa o farla ripartire.
  • Sensore di movimento. Collegandolo a una porta avverte quando questa viene aperta, oppure collegandolo a una borsa avverte se qualcuno la tocca.
  • Ricordare di prendere le medicine. Collegandolo alla scatola delle pillole avverte se queste sono state prese oppure no.
  • Per sapere se un oggetto o un animale escono fuori un perimetro. Attaccandolo al guinzaglio del cane si viene avvertiti se questi va troppo lontano.
  • Per ritrovare il telefono. Scuotendolo si fa suonare lo smartphone per ritrovarlo.

Grazie alla presenza di una community sarà possibile ritrovare qualcosa anche quando il bluetooth non copre più il campo d'azione del proprio Gecko. Se qualcuno della community è nell'area dell'oggetto perso, viene spedita una notifica.

Gecko contiene una batteria a bottone che permette 1 anno di autonomia. Funziona sui dispositivi con iOS e Android.

E' possibile ordinarlo nella pagina ufficiale dove è venduto per 25 dollari.

Commenta il post