Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Kiro

Hitoe, la maglia con gli elettrodi che conversa con lo smartphone

Negli ultimi mesi si parla molto di wearable computer, vale a dire dei dispositivi da indossare. Fino a qualche anno fa, infatti, si credeva che i computer fossero destinati a rimanere sulle scrivanie, racchiusi in una scatola o integrati negli schermi.

Con le moderne tecnologie e la miniaturizzazione dei componenti, invece, ci si è accorti che le prospettive presenti nei film di fantascienza sono realizzabili. I computer possono finalmente diventare così piccoli da essere indossati. Basti pensare all'enorme crescita nel mercato degli smartwatch. Un settore che si dice caratterizzerà il 2014.

Indossare i computer, però, sarà un percorso graduale, fatto di tappe e di conquiste. Fino ad arrivare ad un Rinascimento dell'elettronica al pari di quello generato dall'industria dei telefonini. Ed è proprio quest'ultimo settore ad essere più interessato al fenomeno.

In Giappone, per esempio, l'operatore telefonico NTT Docomo ha realizzato una maglia ricca di sensori. La tecnologia si chiama Hitoe, che significa abbigliamento intelligente. Sviluppata mediante la collaborazione di Toray, un'importante azienda specializzata nell'uso dei materiali per l'abbigliamento, la maglia contiene degli elettrodi che permettono di registrare dei valori del corpo umano.

All'interno della maglia c'è un computer che manda le informazioni registrate sul corpo allo smartphone. Un'applicazione li interpreta in tempo reale creando dei grafici per registrare l'attività sportiva, per esempio integrando i dati sul battito cardiaco.

Al momento il modello presentato è ancora un prototipo. La presentazione alla stampa serve a dimostrare che funziona. Funziona anche se la persona che simula un percorso in bicicletta indossa un pantalone classico e delle scarpe di pelle.

Ironia a parte, NTT Docomo ha espresso la sua intenzione di creare una linea di moda, sia sportiva che casual, con i sensori integrati, per registrare costantemente i dati sulle proprie condizioni di salute.

Commenta il post