Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Kiro

Chirp, il sensore per smartphone che rileva i movimenti anche al buio

Se ci pensiamo oggi riusciamo a fare cose con uno smartphone che fino a qualche anno fa erano considerate impensabili. Il semplice vedere il meteo, con tanto di grafici sulle pressioni e il vento, la possibilità di consultare la posizione su una mappa o sapere all'istante cosa succede dall'altro capo del mondo, ci fanno comprendere i passi avanti effettuati.

Dei passi che diventano sempre più veloci, considerando che il settore si sta indirizzando verso le wearable technologies: le tecnologie da indossare con sensori e accessori. Il corpo umano diventa sempre di più un elemento essenziale per la crescita del mercato.

Per esempio nei recenti modelli di Samsung è possibile sfogliare le pagine con un gesto della mano, evitando di toccare lo schermo. Oppure si può fermare un video automaticamente quando si è distratti.

La possibilità di usare il telefono senza toccare lo schermo diventerà essenziale e a tal proposito Chirp Microsystems ha realizzato un sensore molto speciale. Dalle dimensioni ridotte, il sensore può essere integrato negli smartphone per attivare alcune funzioni con le mani, anche al buio.

Il segreto alla base del sistema è un campo di ultrasuoni: inaudibile all'orecchio umano, ma utili per mappare tutto ciò che avviene nel campo di azione ampio 1 metro. Così, se l'utente muove una mano, non sarà la fotocamera del telefono a rilevare lo spostamento dell'arto, ma una sorta di micro sonar che registrerà il cambiamento.

La cosa interessante è che il sensore di Chirp consuma anche poca energia, in modo da non ridurre ulteriormente l'autonomia della batteria.

Sviluppato presso i centri di ricerca di Berkeley, Chirp potrebbe essere pronta a vendere il sensore alle società produttrici di smartphone che ne faranno richiesta.

Commenta il post