Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Kiro

Nasal Ranger Field Olfactometer, il binocolo degli odori

Ok, va bene, parlare di binocolo non è corretto perché non c'è nessun tipo di ottica in funzione. Ma desta curiosità come la tecnologia a volte porti alla costruzione di accessori bizzarri, che tra l'altro assumono una certa valenza in alcuni ambiti.

Per esempio un'azienda vende il Nasal Ranger Field Olfactometer che, se pubblicato il primo aprile, potrebbe dare spazio a numerosi dubbi. Invece è in uso realmente presso la polizia di Denver (USA) a causa di un'ordinanza comunale che vieta l'inquinamento da puzza.

Come sappiamo ci sono alcuni odori poco gradevoli. Pensiamo all'ammoniaca o allo zolfo. Odori molto forti che vengono tradotti come puzze, perché sgradevoli. Ho provato a cercare una scala di misura, ma non esiste. Siccome gli odori sono soggettivi e non uguali per tutti, non è possibile creare un'unità di misura. Si può solo paragonare delle puzze ed indicare le più forti e meno forti.

A tal proposito non so come abbiano fatto a creare un'ordinanza comunale. Chi decide cosa puzza e cosa no? La polizia, ad ogni modo, ha a disposizione l'Olfactometer che riesce ad individuare gli odori a distanza e scoprire se nell'aria ci sono odori particolari con una scala in rapporto 500:1. Quindi riesce a coprire se nell'aria è stato emanato qualcosa insieme ad altri odori.

Onestamente non so se nella città di Denver i cattivi odori non esistono. Ci sono sempre quelli emanati da alcune piante o dagli animali e non credo che siano multabili. Se un cittadino viene scoperto ad inquinare l'aria, però, scatta una multa fino a 2.000 dollari.

Il sistema sarà utilizzato principalmente per scoprire se qualcuno fuma marijuana all'aria aperta, visto che è vietato, anche se la legge recentemente ne ha legalizzato la vendita in alcuni casi. Se vedete qualcuno con un dispositivo sul naso, quindi, fate attenzione a ciò che emanate.

Commenta il post