Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Kiro

TIM Protect, la soluzione contro il furto dei telefoni e la navigazione senza controllo

Come faccio a proteggere mio figlio dai pericoli della rete? Mi chiese una persona qualche tempo fa. Una domanda che molti genitori si pongono sul fenomeno della rete, che tra bullismo, violenza, contenuti non appropriati ai minori, ma anche virus e malware, creano non pochi problemi. Di certo una navigazione sicura passa attraverso un'educazione alla rete.

Questo passo culturale richiederà ancora qualche anno. Insegnare ai propri figli ad evitare i problemi, parlando loro della natura di tali problemi, può essere un buon inizio. Di certo una mano devono darla anche gli operatori. Il primo ad aprire le danze è TIM che ha presentato l'opzione TIM Protect.

Questo piano agisce su quattro fronti:

  1. Funziona da antifurto: in caso di furto o smarrimento permette di avere la posizione del dispositivo, cancella tutti i dati a distanza, lo fa suonare e lo blocca.
  2. Parental Control: ci sono dei siti pericolosi per il tuo bambino? Nel pannello di controllo si possono bloccare quei siti per vietare l'accesso.
  3. Protezione & Privacy: un filtro applicato sulla navigazione ti dice se il sito che stai visitando è reale o è stato fatto dagli hacker, inoltre le transazioni bancarie saranno criptate.
  4. Antivirus: grazie alla collaborazione di F-Secure, sarai protetto mentre navighi da virus e malware.

Per utilizzarlo bisogna installare un'applicazione nel proprio smartphone o computer. All'attivazione si riceverà un codice personale da usare negli SMS per bloccare a distanza il dispositivo o localizzarlo.

La protezione di TIM Protect prevede 30 giorni di prova gratuita nella versione base. Dopodichè si può acquistare l'opzione di licenza singola che copre un dispositivo, oppure TIM ProtectX3 che protegge fino a 3 dispositivi. La prima costa 2,90 € al mese, mentre la seconda costa 3,90 €. Per ulteriori informazioni visita il sito ufficiale.

Commenta il post