Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Kiro

Crescono i pagamenti da smartphone, ma il protocollo NFC non c'entra

Non sarebbe tutto più semplice se si effettuassero dei pagamenti soltanto dallo smartphone? In fondo lo portiamo sempre con noi e ci risolverebbe un mucchio di grane. Basti pensare all'impossibilità di essere rapinati del denaro, in quanto ogni account è protetto da una password, per non parlare della comodità di non portare con sé il peso delle monete.

Gli esempi sono ancora tantissimi, si potrebbe parlare dell'eliminazione della difficoltà del negoziante nel dare il resto, soprattutto con le banconote dal taglio più elevato, all'impossibilità di effettuare pagamenti in nero e molto altro. Il denaro elettronico potrebbe diventare la soluzione a molti problemi, anche se al momento trova la difficoltà per i più anziani.

Per favorire la migrazione verso il pagamento degli smartphone sono nati tantissimi servizi, basti pensare al Google Wallet oppure all'utilizzo del protocollo NFC per pagare in sicurezza sfiorando un lettore con il telefono. Una tendenza che però non cresce così come dovrebbe.

Secondo una recente indagine effettuata dalla società Gartner, infatti, i pagamenti da smartphone stanno crescendo, ma non certo per merito della tecnologia NFC o del Google Wallet. Per l'esattezza nel 2013 avverranno transazioni per 235,4 miliardi di dollari, in crescita del 71% rispetto al 2012 dove furono 163,1 miliardi di dollari.

Al momento gli utenti preferiscono pagare passando attraverso le applicazioni delle loro banche effettuando bonifici, giroconti e utilizzando i dati della loro carta di credito. L'uso del borsellino virtuale stipato all'interno del telefono non è ancora così diffuso. Secondo le stime soltanto il 2% di tutte le transazioni è generato da questi sistemi.

Le cose potrebbero cambiare in futuro poiché, sempre secondo Gartner, entro il 2017 le transazioni aumenteranno 721 miliardi di dollari con un bacino di 450 milioni di persone convertite al pagamento dagli smartphone. Forse se queste tecnologie si diffondessero in tutti telefoni in commercio e ci fossero più negozianti con il supporto alla piattaforma le cose sarebbero più semplici.

Commenta il post