Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Kiro

Dagli USA una batteria che si ricarica 1000 volte più velocemente

Avete presente quando arrivate a fine giornata con lo smartphone senza energia? È un episodio molto frequente, anzi, è raro arrivare a due giornate di autonomia. Ma perché siamo costretti a sottoporci alla prassi della ricarica giornaliera? In fondo chiediamo poco: una batteria che ci permetta un'autonomia superiore.

Un articolo apparso su Nature Communications sembra dirci che si può fare. All'Università dell'Illinois, infatti, è stata realizzata una ricerca che promette la costruzione della super batteria. La ricerca è stata portata avanti dal team di William King, professore emerito della facoltà di scienze meccaniche e ingegneristiche.

La sua squadra di ricercatori ha realizzato una tecnologia che promette la costruzione di una batteria in grado di ricaricarsi 1000 volte più velocemente di quelle attuali. Secondo il professor King, infatti, basterà un colpo d'occhio per ricaricare la batteria dello smartphone.

Il risultato è stato raggiunto mediante l'utilizzo di una tecnologia di costruzione in 3D. In questo modo gli anodi e i catodi, che formano la batteria, mandano l'energia in tutte le direzioni velocizzando il processo di ricarica. Il sistema permette anche di ridurre di ben 30 volte la grandezza delle batterie il che si traduce, ovviamente, con una maggiore potenza se prendiamo in considerazione il volume occupato dai modelli attuali.

Se vi serve tanta energia non potete avere tanta potenza, se volete tanta potenza è molto difficile garantire tanta energia. Ma per alcune interessanti applicazioni, soprattutto per quelle moderne, bisogna avere entrambe le cose. E ciò che le nostre batterie stanno iniziando a fare. Stiamo andando verso una direzione dove il design delle batterie è più avanzato della tecnologia attuale.

Prof William P. King

Il team di sviluppo ora cercherà di perfezionare questo sistema in modo da creare un modello stabile, a basso costo e commercializzabile. Se le promesse del professor King saranno mantenute, tra qualche anno potremmo avere finalmente gli smartphone e i tablet che durano una settimana e anche più e, quando esauriranno la loro energia elettrica, si potranno ricaricare in pochi secondi.

Commenta il post