Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Kiro

Facebook Partner Categories, il sistema che vuole sapere cosa compri

La pubblicità riesce a supportare tantissimi progetti. Sono nate tantissime aziende grazie al marketing e dei veri e propri colossi danno lavoro a centinaia di migliaia di persone. Certo a volte queste sono invasive e si muovono nei limiti della legalità e della privacy.

Per esempio, anche se forse non tutti lo sanno, ogni volta che effettuiamo acquisti all'interno di un supermercato potremmo essere registrati per comprendere in che modo interagiamo con i prodotti posti sullo scaffale. È nata, in tal senso, una vera e propria branca del marketing che studia i comportamenti nel supermercato. Sapevate che il cestino all'ingresso serve a spingere ad inserire prodotti all'interno? Sapevate che i supermercati acquistano frutta acerba che poi matura sugli scaffali? Sicuramente conoscete il trucchetto dei prezzi: 4,99 attira più di 5.

Sono tutte informazioni che si registrano con un'attività off line. Ma se volessimo queste informazioni su Internet? Questa domanda se l'è posta Mark Zuckerberg, amministratore delegato di Facebook, che ha pensato bene di integrare le informazioni di acquisto nella vita reale in quello che accade nel social network.

In futuro, per esempio, potreste trovare la pubblicità di uno spazzolino nel caso in cui il sistema di rilevazione vi abbia visti titubanti nel settore degli spazzolini. Tutto questo prende il nome di Partner Categories e vede la partecipazione di società come Acxiom, BlueKai, Datalogix ed Epsilon.

Queste aziende lavorano da anni nella rilevazione dei comportamenti dei consumatori nei negozi, stilando dati aggregati che permettono di comprendere come migliorare il marketing. La sperimentazione del sistema integrato con Facebook è partita negli Stati Uniti.

Se siete preoccupati, però, non fatelo perché in Italia c'è una legislazione sulla privacy molto meno permissiva rispetto a quella americana. Si siede nel reparto di dolci e ammirate con gusto un pasticcino Mark Zuckerberg non verrà mai a saperlo.

Commenta il post