Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Kiro

Il MIT e il sistema per calcolare il battito cardiaco con la fotocamera dello smartphone

Ogni secondo, anche mentre state leggendo quest'articolo, il ventricolo sinistro del vostro cuore pompa del sangue che cede dell'ossigeno e si carica di anidride carbonica trasformandosi, così, da sangue arterioso al sangue venoso. Il sangue si sposta dai capillari alle vene andando a finire all'interno del ventricolo destro per poi riprendere di nuovo il suo cammino.

Questo accade costantemente, ogni giorno, fino a quando riuscirete a farlo. La cosa positiva è che tutto questo sistema complesso si amministra senza la vostra volontà. Ogni minuto, quindi, il cuore si contrae e decontrae un certo numero di volte. Di solito la media va dai 65 agli 85 battiti per minuto.

Sapere quanti battiti abbiamo ci permette di capire se l'apparato circolatorio è in buono stato. Per calcolare i battiti esistono tantissimi strumenti, ma ben presto potrebbe essere necessaria semplicemente la fotocamera del vostro smartphone.

All'interno dei centri di ricerca del MIT, la celebre università americana, hanno realizzato un sistema che riesce a comprendere i battiti cardiaci semplicemente registrando il volto del soggetto su cui effettuare la misurazione per qualche secondo. I ricercatori, infatti, hanno scoperto che dalla carotide, che porta il sangue al cervello, passano 12 grammi di sangue ad ogni battito.

Anche se non ce ne accorgiamo questo sangue fa muovere la testa. Effettuando un esperimento su 18 persone monitorando i movimenti della loro testa, si è scoperto che ad occhio nudo il volto sembra immobile, ma velocizzando il movimento di 10 volte si nota un movimento costante. Il movimento causato dal flusso di sangue che va nella testa.

Da questo principio è stato possibile creare un software che registra il volto delle persone e velocizza il tutto andando ad applicare un algoritmo. Così facendo si arriva al risultato del battito medio per minuto con un errore massimo del 2%.

Tra qualche anno, quindi, potrebbero nascere delle applicazioni che permettono di monitorare i battiti semplicemente guardando la fotocamera del telefono e sapere, così, se il nostro sistema circolatorio è in buono stato.

Commenta il post