Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Kiro

un ricercatore italiano costruisce la fibra ottica a 10 Tbps

È sempre vivo il dibattito riguardante la diffusione della fibra ottica in Italia. Ci sono tantissime persone che sono convinte che le autostrade informatiche rendono molto più denaro di quelle fisiche. La costruzione di servizi, di aziende, di piattaforme e così via potrebbero creare un circuito aziendale in grado di produrre centinaia di migliaia di posti di lavoro. Una vera manna dal cielo in un periodo storico come questo.

Mentre gli operatori mobili diffondono la rete LTE, promettendo una connessione a 300 Mbps nel prossimo decennio, si cerca di diffondere la banda larga anche per le reti fisiche che sono molto più ampie e stabili. Attualmente l'offerta commerciale del nostro territorio arriva a un massima di 100 Mbps. Ma se vi dicessi che si potrebbe arrivare a 10 Tbps?

Una velocità talmente ampia da colmare qualsiasi differenza tra un trasferimento di un file da un disco SSD a un altro. In altre parole spostare un documento tra due dischi oppure scaricarlo dalla rete non avrebbe nessuna differenza. Questa tecnologia è una realtà e ha origini italiane.

Il ricercatore Francesco Poletti, un cervello in fuga dall'Italia, ha trovato casa nella University of Southampton in Gran Bretagna. Nel team di ricerca dell'università è riuscito a costruire una fibra ottica in grado di azzerare, quasi, la differenza con la velocità della luce. Le informazioni su questa fibra viaggiano alla velocità di 299.792 metri al secondo, contro la velocità della luce che viaggia 300.000 metri al secondo.

La fibra, a differenza di quella attuale, è realizzata con una copertura in fibra di vetro a cui viene sottratta l'aria. In questo modo l'attrito che trova il dato mentre viaggia dall'altra parte del mondo è ridotto al minimo ottenendo il 31% di velocità in più rispetto alla fibra utilizzata per il record precedente.

Questa tecnologia sarà utilizzata all'interno dei data center per spostare velocemente i documenti all'interno dei server, in questo modo sarà possibile creare servizi di cloud computing più efficienti. Per la rete casalinga, purtroppo, i tempi non sono brevi per l'adozione di questa nuova generazione.

La cosa importante è che state realizzata. Quindi in futuro, quando i costi caleranno, è probabile che viaggeremo a una velocità altissima.

Commenta il post