Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Kiro

Un sensore di Sharp permette di usare lo smartphone senza toccarlo

Fino a qualche anno fa avere uno tefonino significava possedere un dispositivo in grado di effettuare telefonate e mandare messaggi. Con l'avvento degli smartphone, invece, è stato introdotto l'utilizzo di Internet che ha permesso di potenziare all'infinito le funzioni del dispositivo.

Dal punto di vista hardware, invece, abbiamo assistito all'evoluzione dei processori, della memoria, dello schermo multitouch e, soprattutto, allo sviluppo dei sensori quali quelli ottici per le fotocamere, del magnetometro, dell'accelerometro, del giroscopio, del sensore di prossimità che spegne lo schermo quando si avvicina al telefono al volto e così via.

Bisogna considerare che saranno i sensori ad essere la miniera d'oro degli smartphone del futuro. Inventandone e integrandone sempre di più sarà possibile aumentare le possibilità di interazione dell'utente con il telefono, tant'è vero che negli ultimi mesi abbiamo assistito all'integrazione di altri sensori come quello del barometro e il sensore di umidità.

A tal proposito Sharp ha realizzato un sensore che permette di utilizzare il telefono senza toccarlo. Grande 1,25 × 5,6 × 2,1 mm, il sensore permette di monitorare i movimenti delle mani fino ad una distanza massima di 10 cm.

In pratica posizionandolo in una sezione del telefono, magari vicino allo schermo, sarà possibile governare il menù del sistema operativo senza mai toccare il display. L'utente può passare da una pagina all'altra, effettuare lo scroll, attivare le gesture e premere le icone senza toccare la superficie del telefono.

Questa soluzione potrebbe diventare molto utile per evitare di sporcare il display con le mani o semplicemente spostarsi da una sezione all'altra con i guanti. La società sta già fornendo il sensore ai produttori di smartphone. Il prezzo applicato ai partner è di ¥ 300, pari a circa due euro.

Commenta il post