Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Pubblicato da Kiro

Una ricerca porterà alle batterie basate sullo zolfo

Mentre il settore degli smartphone e dei tablet vola, con aggiornamenti dell'hardware ogni semestre, il settore delle batterie resta piuttosto lento. Fortunatamente gli investimenti nel settore aumentano di mese in mese. Una recente ricerca partita dall'Università dell'Arizona, per esempio, potrebbe portare a una piccola rivoluzione.

Per spiegarla bisogna prendere in considerazione un fattore: all'interno dell'industria petrolifera, dopo tutto il processo di raffinazione, restano inutilizzati alcuni materiali di scarto, tra cui lo zolfo. Precisamente per ogni 72 litri di petrolio lavorato ne avanzano 2 di materiali. Materiale che andrebbe perso.

La ricerca realizzata dagli Stati Uniti, in collaborazione con alcuni team della Corea del Sud e della Germania, hanno realizzato un processo chiamato "vulcanizzazione inversa". Un processo che riesce riciclare parte di questo materiale per trasformarlo in elemento utile all'industria delle batterie.

La ricerca è riuscita a costruire, in pratica, una batteria a base di zolfo simile a quella basata sul litio che è attualmente in commercio. A suo vantaggio ha una capacità di potenza superiore, in modo da fornire maggiore energia ai dispositivi elettronici. Purtroppo al momento i prototipi costruiti possono essere ricaricati un numero esiguo di volte. Un aspetto che dovrà essere migliorati in futuro.

La cosa positiva sono i costi di realizzazione: essendo un materiale di recupero non sarà difficile recuperarlo, soprattutto alla luce dell'ampio spettro di azione dell'industria petrolifera, a differenza del litio che deve essere estratto in apposite miniere.

In futuro, quindi, se la ricerca porterà a dei frutti potremo vedere delle batterie più economiche e più potenti.

Commenta il post